Bambini coltiviamo un orto in vaso con i consigli di Massimino

Massimino, personaggio del libro "L'orto dei bambini"

Cari bambini e care bambine,
la settimana scorsa (vedi post Vi presento “L’orto di Massimino”, rubrica per bambini – Terra Trentina 1/2017) vi ho proposto di fare un orto e molti di voi mi hanno scritto e inviato disegni delle piante coltivate: c’è chi ha iniziato a prendersi cura di una piantina di fagiolo, chi invece ha seminato lattuga e bietole in un vaso capiente e chi ha deciso di aiutare il nonno nell’orto familiare… appena sarà possibile.

Qualcuno di voi però mi ha chiesto “Ma come si fa a seminare e a trapiantare? Io non l’ho mai fatto!” Vediamo allora insieme come si fa a coltivare un piccolo orto.

In questo periodo potete fare qualche esperimento in vaso, così sarete pronti per iniziare i lavori la prossima primavera! Provate a seminare il ravanello e a trapiantare alcune piantine di lattuga, ortaggi che crescono in un tempo brevissimo.

COSA VI SERVE
• un vaso grande e un sottovaso
• terriccio e un po’ di ghiaia
• una paletta o un cucchiaio
• un annaffiatoio con rosetta
• una bustina di semi di ravanello
• alcune piantine di lattuga
• … e tanta buona volontà!

TROVATE UN ANGOLO PER LAVORARE
In casa o sul balcone predisponete un tavolo dove lavorare con terriccio e ghiaia, vasetti e semi. In una cassetta di legno potrete riporre con ordine gli attrezzi alla fine dei lavori.

COME PROCEDERE
• mettete uno strato di ghiaia sul fondo del vaso, facendo attenzione che non ostruisca i fori per l’uscita dell’acqua in eccesso
• aggiungete il terriccio e riempite il vaso fino a 1 cm dal bordo

Il vaso è pronto per accogliere i semi di ravanello e le piantine di lattuga.

Nella metà del vaso dedicata ai ravanelli:
• seminate a spaglio i semi
• ricoprite i semi con un po’ di terriccio

Nella metà del vaso destinata alla lattuga:
• fate dei buchi distanti 8-10 cm e trapiantate la lattuga
• ricoprite bene le radici con un po’ di terriccio e premete leggermente intorno alla base della piantina

Ora annaffiate delicatamente, fate fuoriuscire l’acqua in eccesso, mettete il sottovaso e sistemate il vaso in casa in un posto luminoso! Prendetevi cura delle piantine, annaffiandole ogni giorno, e annotate le vostre osservazioni su un diario dell’orto.

Oggi vi parlerò di come si coltiva il porro. Trovate giochi, disegni e quiz da scaricare e colorare QUI. Potete ricevere il CALENDARIO DEGLI ORTAGGI scrivendo a ortodeibambini@gmail.com.

Buon raccolto! Massimino

Se vuoi leggere l’articolo su Terra Trentina n. 2/2017, clicca QUI.

L’orto di Massimino in Terra Trentina

Vi presento “L’orto di Massimino”, rubrica per bambini – Terra Trentina

Apprendere giocando è il miglior modo per crescere e con l’ortolano Massimino non ci si annoia mai! A partire dal numero 1 del 2017 ho iniziato la collaborazione con Terra Trentina, periodico di agricoltura, ambiente, tecnica e turismo rurale della Provincia autonoma di Trento, e scrivo per la nuova rubrica per bambini “L’orto di Massimino”. Attraverso Massimino spiego ai bambini i misteri di carote e insalate, pomodori e zucchine, piante aromatiche e cereali. Nelle prossime settimane Massimino ci terrà compagnia: non perdetevi i suoi consigli e i suoi racconti! Se avete delle domande scrivete a ortodeibambini@gmail.com.

Massimino, personaggio del libro "L'orto dei bambini"

Cari bambini e care bambine,
mi chiamo Massimino e nel tempo libero mi prendo cura delle piante dell’orto.

Coltivo da anni, con la mia famiglia, piante aromatiche, ortaggi, frutti, cereali e fiori, sperimentando vari metodi di coltivazione, ma sempre nel rispetto della natura e dei suoi tempi.

Siete curiosi di scoprire com’è fatta una pianta, di esplorare la vita dell’orto, di conoscere la provenienza di quello che si mangia?

Provate allora a coltivare un piccolo orto: è vero che ci vogliono impegno, costanza e pazienza, ma è molto divertente, potrete raccogliere e gustare i deliziosi frutti che la terra vi regala… e dire a tutti che il vostro raccolto è il più buono del mondo!

Se non potete coltivare ortaggi in piena terra, procuratevi dei vasi o delle cassette di legno, un po’ di ghiaia, del terriccio, qualche seme… e l’orto è fatto! Iniziate seminando ravanelli, bietole e pomodorini e trapiantando lattuga e basilico. Ricordatevi di mettere le etichette con il nome della pianta e la data di inizio dei lavori.

Tenete un diario dell’orto dove annotare le vostre osservazioni e i dati raccolti e arricchitelo con disegni, foto e racconti.

Se avete domande o curiosità, se volete inviare un disegno delle vostre piante, una foto, un racconto o una gustosa ricetta scrivetemi (ortodeibambini@gmail.com). Risponderò a tutti e raccoglierò i vostri lavori nel DIARIO DELL’ORTO. Ad ogni puntata vi farò conoscere una pianta: iniziamo dal pomodoro. Trovate inoltre, giochi, disegni e quiz da scaricare e colorare QUI.

A presto! Massimino

Se vuoi leggere l’articolo n. 1/2017, clicca QUI.

L’orto di Massimino in Terra Trentina

Abbiamo iniziato coltivando un orto in vaso

Massimino e la sua famiglia, personaggi del libro "L'orto dei bambini"

Sei pronto per iniziare un’esperienza nell’orto con la tua famiglia o con i tuoi compagni di classe?

La nostra avventura nell’orto è iniziata tanti tanti anni fa. La nostra passione per la terra e per la natura continua a cresce giorno dopo giorno.

L’orto ha insegnato a noi e ai nostri bambini a guardare la natura con occhi diversi, ci ha educato a saper aspettare e ad avere pazienza, ha cambiato la nostra percezione del tempo, che si è colorata di una dimensione più umana e rilassante.

Continue reading